Direzione Didattica Mortara , navigazione veloce.
menu principali | contenuto principale | menu secondario | piè di pagina
Una scuola che chiama per nome

Stemma Città di Mortara

Logo Direzione Didattica Mortara

Direzione Didattica Mortara

piazza Italia, 16 - Mortara (PV)

pvee022004@istruzione.it

chi siamo | dove trovarci | mappa | contatti

Sei in Home - Alunni - Classi quinte: robotica educativa

Sommario: Progetto Mortara 2008/09 - Progetto Parona 2009/10

Robotica educativa

All'Olivelli nascono i robot!

robottiniGuardiamoci intorno, con quegli occhi dei supereroi che ci consentono di vedere attraverso l'involucro esterno dei nostri elettrodomestici: ci rendiamo conto che siamo circondati da macchine, marchingegni costruiti dall'uomo e da esso programmati per ricevere istruzioni e per risponderci, restituendoci informazioni od eseguendo per noi azioni.

La dirigente scolastica e le insegnanti di informatica delle classi quinte (a.s. 2008/09) ritengono che i cittadini attivi dell'epoca contemporanea non debbano essere consumatori passivi delle meraviglie che le scienze ci offrono, ma debbano comprenderle, capirne la meccanica, l'utilizzo, i limiti ed i vantaggi, per essere protagonisti della propria epoca e delle proprie scelte: comprendere per scegliere e per migliorare.

Naturalmente, sempre con la massima attenzione al rispetto e alla tutela ambientale, altro caposaldo della nostra scuola.

Programmazione didattica

Costruire ed animare un robot

kit della LegoI kit della Lego contengono una serie di componenti:

... ognuna sistemata in un apposito spazio. Classificare e conservare il tutto al proprio posto è molto importante!

Bambini e bambine si impegnano egualmente nel capire come assemblare le componenti, con la guida del libretto di istruzioni.

alunni in fase costruttivaalunni in fase costruttivaalunni in fase costruttiva

 

 

 

 

 

 

robot con sensore acusticoSi passa alla programmazione dell'NXT, un mini-computer che viene fissato agli assi delle ruote.

Nasce così il primo robot, capace con un sensore di captare i comandi vocali e cambiare in tal modo direzione di marcia.

Gli alunni lo hanno infatti programmato con appositi comandi a icone.

 

 

robots con sensori otticiI robots con i sensori ottici, invece, sono in grado - come i pipistrelli - di emettere onde sonore e di captare l'onda di ritorno, riflessa da un ostacolo.

Conoscendo la velocità dell'onda sonora, essi deducono la distanza che li separa da un ostacolo: scatta perciò il comando successivo, cioé cambiare direzione!

 

 

 

gare di robotsomino della LegoSi scatenano le prime gare: l'omino robotico è così contento che balla la break-dance!

Tutte le foto

 

 

 

Opportune programmazioni differenti, memorizzate su robot differenti, hanno permesso di creare dei piccoli balletti, in cui i robot eseguono da soli traiettorie combinate! (I seguenti files sono di tipo .mov, quindi possono essere visti con Nero Showtime oppure con il lettore Quicktime della Apple, che si trova liberamente su Internet. Meglio ancora con VLC - digitate su un motore di ricerca i termini vlc italiano gratis e lo troverete -, splendido software che può visualizzare qualunque tipo di filmato).

Movimento a fontana

Balletto touch-sensor

Puoi vedere qui alcuni esempi di programmazione che sono stati scritti con l'apposito software della Lego.

La fantasia si può scatenare, progettando percorsi, gare, traiettorie etc.! Sono stati altresì creati: il fiore che sboccia, il sole che irradia i suoi raggi.

Le tre leggi della robotica

robotEcco il codice d'onore dei robots:

Legge Zero - Un robot non può danneggiare l'Umanità, né può permettere che, a causa del suo mancato intervento, l'Umanità riceva danno.

I - Un robot non può recar danno a un essere umano ne può permettere che, a causa del proprio mancato intervento, un essere umano riceva danno.

II - Un robot deve obbedire agli ordini impartiti dagli esseri umani, purché tali ordini non contravvengano alla Legge Zero.

III - Un robot deve proteggere la propria esistenza, purché questa autodifesa non contrasti con la Legge Zero.

Queste leggi sono state scritte da Isaac Asimov, il padre della robotica.

Isaac Asimov (Petroviči, 2 gennaio1920 – New York, 6 aprile1992) è stato un biochimico, scrittore, grandissimo autore di fantascienza ed autorevole divulgatore scientifico statunitense. Le sue opere sono considerate pietre miliari. Uomo di grande cultura, laureato in Chimica e Biologia, è autore di una vastissima e variegata produzione, stimata intorno ai 500 volumi pubblicati.

Isaac AsimovIn suo onore è stato dato il suo nome all'asteroide 5020 Asimov.

La parola robotica proviene dal ceco robota, dove ha il significato di lavoro pesante o lavoro forzato.

Questo termine è stato introdotto dallo scrittore ceco Karel Čapek, nel 1920, nel suo racconto R.U.R. (Rossum's Universal Robots).

Il termine inglese derivato robotics compare per la prima volta nel racconto di fantascienza dello scrittore Isaac Asimov, intitolato Bugiardo! (Liar!, 1941).

Parlano di noi ...

[Torna al sommario]

Robots: invasione a Parona!

Con i robot ... la scuola è più bella!

Misurazione dei pezziAnche a Parona gli alunni delle classi quarta e quinta hanno entusiasticamente aderito al progetto e, divisi in piccoli gruppi di lavoro, hanno collaborato alla costruzione dei robot con kit predisposti da Lego Educational.

Alla fase strettamente manuale è seguita la programmazione dei mini-computer, di cui i kit sono dotati. E’ stato questo il momento che ha esaltato maggiormente i bambini: non solo scoprire di aver montato correttamente i robot, ma soprattutto vedere che essi si muovevano nel corridoio della scuola!

Il lavoro ha coinvolto diverse aree disciplinari: italiano, con la produzione di testi personali sull’esperienza e lettura di racconti a tema; matematica, in cui i bambini si sono cimentati con la misurazione dei pezzi/componenti; arte e immagine, con la realizzazione di disegni, cartelloni e attività manuali con materiali di recupero.

Un sogno antico ...

I ragazzi hanno svolto una preziosa ed interessantissima ricerca, scoprendo che la scienza della Robotica insegue uno dei più antichi sogni dell'uomo: costruire organismi autonomi, dotati di intelligenza!

Ecco alcune interessanti creature, frutto di anni e anni di ricerche e sperimentazioni da parte di tutti gli scienziati del mondo:

Aibo
Asimo
cingolato militare
Aibo, cagnolino intelligente
Asimo, umanoide dotato di intelligenza artificiale
Cingolato militare robotizzato, disinnesca le bombe
Banryu
braccio robotico
DaVinci
Banryu, dal naso elettronico
Braccio robotico, per l'automazione industriale
DaVinci, chirurgo intuitivo
Roborior
telescopio robotico
sonda spaziale
Roborior, agente di sicurezza
Telescopio robotico, scopritore di corpi celesti
Sonda spaziale, dotata di strumenti di osservazione
Spirit
Wakamaru
RobotX
Spirit, il primo esploratore di Marte
Wakamaru, parla quattro lingue
RobotX, l'intercettatore

Scaricate la relazione paronese se volete saperne di pių ...

Alcune immagini dell'esperienza paronese.

Galleria Immagini dei robot inventati dagli alunni.

[Torna al sommario]