Direzione Didattica Mortara , navigazione veloce.
menu principali | contenuto principale | menu secondario | piè di pagina
Una scuola che chiama per nome

Stemma Città di Mortara

Logo Direzione Didattica Mortara

Direzione Didattica Mortara

piazza Italia, 16 - Mortara (PV)

pvee022004@istruzione.it

chi siamo | dove trovarci | mappa | contatti

Sei in Home - Docenti - Materiali utili

Sommario

Tutorial "Pillole utili": istruzioni sul sito - netiquette ed utilizzo di forum e posta elettronica - forum di supporto informatico - fotografie e masterizzazione - procedure di masterizzazione - videoscrittura - linguaggi: il Logo - i documenti in .pdf - slideshow audio-video - audio ed mp3: Audacity - attivare servizio fax - Computer MAC - Podcasting

Siti istituzionali e di Enti - Siti interessanti

 

Programmazioni:

Scuola dell'Infanzia: Il calendario della frutta

Classi prime: Il Gioco dell'Oca con Pinocchio - La gestione delle emozioni

Classi seconde: L'uva (interdisciplinare)

Classi quarte: La religione nell’arte di Mortara, dalle finestre istoriate alle vetrate artistiche

Classe quinta: I mosaici (interdisciplinare) - Robotica educativa (interdisciplinare) - Cittadinanza & Costituzione: Partenza ... Mortara!

Per più classi: Educare a riciclare (interdisciplinare) - Giocando con i rifiuti (progetto regionale)

Integrazione degli alunni stranieri: Robotica educativa (interdisciplinare)

 

Tutorial: "Pillole utili" [A cura di Monica Massazza]

Le stelline indicano la presenza di tutorialStars
le stelline che indicano la presenza di tutorial.
Piccoli aiuti per favorire l'utilizzo autonomo e consapevole delle Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione.

Istruzioni sul sito: Forum e Area Docenti - Netiquette ed utilizzo di Forum e Posta elettronica - Forum di Supporto informatico

Fotografie: come utilizzare la fotocamera scolastica e masterizzare un disco con le nostre foto

Masterizzare: registrare su di un supporto di tipo ottico (cd o dvd)

Videoscrittura: indicazioni - scrittura per il web (ma non solo)

Linguaggi di programmazione: Logo

I documenti nel formato PDF: cos'é e come crearlo [a cura di Ivana Sacchi]

Comporre slideshow audio-video: utilizzo di Flash Slide Show e Audacity [a cura di Ivana Sacchi]

Trattamento audio ed mp3: guida per l'utilizzo di Audacity, installazione ed utilizzo nei blog [a cura del SSIS Veneto]

Comunicazione: attivare il servizio fax di WindowsXP

Mondo MAC

Scratch ama AppleLogo mela Apple

Installare e disinstallare software sul MAC - Raccomandazioni sui computer in dotazione alla scuola

Podcasting

 

Materiali didattici

Scuola dell'Infanzia: il calendario della frutta

Dopo aver partecipato al gioco indovina-la-frutta, esplorandola attraverso le percezioni tattili, ed averne osservato le trasformazioni in spremute, frullati e macedonie, i piccoli hanno anche realizzato il calendario della frutta, inventando su ogni foto una filastrocca che ne inviti al consumo.

Specifiche di riferimento
Titolo Girotondo della frutta
Classe Scuola dell'Infanzia
Durata mese di dicembre
Obiettivi formativi

Promuovere corrette abitudini alimentari;
intuire le proprietà delle vitamine;
promuovere l’assaggio e il consumo di frutta;
collaborare in attività comuni;
sviluppare le capacità di osservazione, identificazione, classificazione.

Percorso operativo

Osservare e verbalizzare le caratteristiche di diversi tipi di frutta;
identificare e denominare la frutta;
giochi di classificazione secondo diversi criteri;
rappresentazioni grafiche;
pittura e/o spugnatura in attività di gruppo;
osservazione della trasformazione della frutta.

[Torna al sommario]

 

Classe Prima: il Gioco dell'Oca con Pinocchio

Gli alunni delle Classi Prime della Scuola Primaria Statale Teresio Olivelli (6 classi con 25/26 alunni), durante l'anno scolastico 2009/2010, hanno come filo conduttore il progetto multidisciplinare C'era una volta... and now there is... un tòch ad làgn, per affrontare questa celeberrima opera italiana, giocando anche un poco con l'inglese e il dialetto mortarese.

Innanzitutto, nel mese di settembre, il Palio cittadino ed il tradizionale Gioco dell'Oca hanno dato l'idea di realizzare le caselle con disegni inerenti la fiaba.

La scelta di Pinocchio nasce, prima di tutto, dalla pubblicazione di una traduzione dell’opera in dialetto lomellino, a cura di Giovanni Moda. Il testo, pubblicato dal Circolo Culturale Lomellino, è corredato dalle illustrazioni di Caterina Bonacasa, nota artista lomellina che, come insegnante, ha formato intere generazioni di ragazzi di Mortara e dei paesi limitrofi.

Alla base della nostra scelta ci sono anche motivazioni pedagogiche: il libro di Pinocchio è soprattutto la grande metafora dell’età favolosa dell’infanzia, l’avventura irripetibile di essere bambini alla scoperta del mondo, attraverso le monellerie, le trasgressioni del personaggio e le inevitabili conseguenze che ne derivano. Le esperienze di questo burattino sono un passaggio obbligato per crescere, per accedere ad un’età adulta, matura, perché costruita non solo sulle speranze, ma anche sulle delusioni; non solo sulle sicurezze, ma anche sulle paure. Pinocchio impara a sue spese a conoscere un mondo di adulti: veri bugiardi pericolosi. E in questa storia-simbolo i bambini di tutto il mondo e di ogni epoca possono riconoscersi, rivendicando il pieno e sacrosanto diritto di essere quello che sono: bambini, appunto.

Specifiche di riferimento
Titolo C'era una volta... and now there is... un tòch ad làgn
Classe prima
Finalità

promuovere un atteggiamento positivo nei confronti della lettura;
favorire l’avvicinamento affettivo ed emozionale del bambino al libro;
fornire agli alunni le competenze necessarie per realizzare un rapporto attivo-creativo e costruttivo con il libro;
educare all’ascolto e alla comunicazione con gli altri;
favorire l’accettazione e il rispetto delle diverse culture per avviare alla costruzione di basi morali ed etiche;
far acquisire il rispetto delle regole come elemento fondamentale per la convivenza civile e democratica

Obiettivi

trasmettere il piacere della lettura;
potenziare le abilità di ascolto;
scoprire il linguaggio visivo;
comprendere, ricordare e riferire i contenuti essenziali della storia;
individuare e rappresentare i personaggi e i luoghi del racconto;
cogliere le sequenze principali della vicenda;
esprimere attraverso il linguaggio grafico-pittorico le proprie emozioni e i propri vissuti

Contenuti

lettura da parte degli insegnanti della fiaba di Pinocchio;
ascolto di canzoni e filastrocche;
attività manuali e manipolative: ritagliare, incollare, colorare, assemblare, utilizzando materiali diversi;
il piacere di guardare le figure;
giochi motori finalizzati all’imitazione dei personaggi;
riproduzione grafico-pittorica del protagonista, dei personaggi principali e dell’ambiente della fiaba;
dividere la fiaba in sequenze e riordinarle;
drammatizzazione della fiaba con accompagnamento corale;
utilizzare la LIM per ricreare la fiaba;

Metodologia

formazione di gruppi di alunni di classi diverse;
lettura della fiaba in italiano, in inglese, in dialetto;
utilizzo dei linguaggi verbali e non verbali;
attività manipolative;
creazione di uno spazio laboratorio-didattico;
utilizzo della Lavagna Interattiva Multimediale

Obiettivi di italiano

padroneggiare la conoscenza e l’uso di un vocabolario più vasto

Tempi ottobre - maggio

[Torna al sommario]

 

Classe Prima: la gestione delle emozioni

Incontro della specialista con genitori e docenti

Specifiche di riferimento
Titolo Progetto di educazione socio-affettiva per la Scuola Primaria: la gestione delle emozioni
Classe prima
Finalità
  • acquisizione di consapevolezza e capacità di autoregolazione delle proprie emozioni
  • conoscenza e approfondimento dei principali aspetti del comportamento sociale
  • sviluppo della cultura del positivo verso la vita, se stessi e gli altri
  • progressiva maturazione delle abilità emotive e sociali
  • coinvolgimento di genitori ed insegnanti sul tema della educazione socio-affettiva
Obiettivi
  • saper osservare se stessi
  • identificare e denominare le emozioni
  • riconoscere le proprie emozioni
  • esprimere le emozioni
  • costruire un vocabolario per le emozioni
  • valutare l’intensità delle emozioni
  • conoscere il rapporto tra pensieri, emozioni, comportamenti
  • colloquiare con se stessi
  • tollerare le frustrazioni
  • saper rimandare le gratificazioni
Contenuti

Percorso specifico per le classi prime:

  • riconoscere le emozioni dall’espressione del viso e dei gesti
  • saper gestire tre emozioni negative
Metodologia
  • ricorso, in modo costruttivo, al dialogo interno
  • uso della tecnica del circle-time come strumento utile alla autoregolazione e allo sviluppo della capacità di riflessione
  • utilizzo dei momenti discussione per narrare le proprie esperienze, metterle in comune, mediarne i significati, ricavarne regole
  • utilizzo della comunicazione interpersonale ed empatica
Durata
  • 3 incontri per classe della durata di un’ora e mezza ciascuno (maggio 2010)
  • 1 incontro con il gruppo genitori e con le insegnanti (aprile 2010)

[Torna al sommario]

 

Classe Seconda: l'uva (interdisciplinare)

L'unità didattica è visibile e scaricabile nella sezione Alunni, cliccando qui.

Specifiche di riferimento
Titolo L'uva
Classe seconda
Discipline italiano, arte e immagine, scienze, informatica
Obiettivi di italiano

ascoltare un testo letto dall’insegnante;
comprendere il significato globale di un testo ascoltato;
rielaborare una storia ascoltata;
padroneggiare la conoscenza e l’uso di un vocabolario più vasto;
saper osservare e descrivere

Obiettivi di Arte e Immagine

saper osservare e realizzare disegni con diverse tecniche di coloritura;
disegnare copiando un modello

Obiettivi di scienze

conoscere la varietà di forme nei vegetali;
individuare e nominare le parti principali di una pianta scoprendone le funzioni

Obiettivi di informatica

conoscere il programma Paint;
imparare a conoscere e ad usare gli strumenti di Paint

Tempi

mese di ottobre

 

 

 

 

 

[Torna al sommario]

 

Classe Quarta: La religione nell’arte di Mortara, dalla finestra istoriata alle vetrate artistiche

Le bellissime opere in vetro, realizzate dopo una visita ispirativa alla basilica di San Lorenzo in Mortara.

le mini-vetrate degli alunni

 

 

 

 

 

 

 

 

Specifiche di riferimento
Titolo La religione nell’arte di Mortara: dalla finestra istoriata alle vetrate artistiche
Classe quarta
Discipline religione, storia, , scienze, arte e immagine, lingua italiana
Obiettivi di religione

scoprire fin dalla giovanissima età la Sacra Scrittura nel patrimonio artistico diMortara;
conoscere la figura del martire San Lorenzo;
conoscere la figura di Giovanni Battista

Obiettivi di Arte e Immagine

prendere coscienza delle interpretazioni artistiche presenti nel territorio: le vetrate istoriate;
leggere un’opera d’arte;
osservare e riconoscere i segni, le linee, le forme, i colori e la struttura compositiva presenti nel linguaggio delle immagini e nelle opere d’arte;
riprodurre liberamente un’opera d’arte: dalla finestra istoriata alla vetrata artistica

Obiettivi di scienze

conoscere la composizione del vetro

Obiettivi di storia

conoscere le origini del vetro

Obiettivi di italiano

padroneggiare la conoscenza e l’uso di un vocabolario più vasto

Tempi un quadrimestre

[Torna al sommario]

 

Classe Quinta: i mosaici (interdisciplinare)

L'unità didattica è visibile nella sezione Alunni, cliccando qui.

Specifiche di riferimento
Titolo I mosaici ispirati alle domus romane
Classe quinta
Discipline arte e immagine, storia, geografia

Classe Quinta: robotica educativa (interdisciplinare)

robotLa robotica è un settore che sta acquisendo sempre più importanza scientifica, economica e culturale ed è una delle chiavi dell’attuale rivoluzione industriale e culturale. La presenza sempre più diffusa di robot nella nostra vita quotidiana è un buon motivo che rende opportuno, se non necessario, realizzare una prima conoscenza dei concetti della robotica fin dalla scuola di base. Programmazione. Attività degli alunni.

Relazione su Robotica & Didattica.

Per maggiori approfondimenti: www.scuoladirobotica.it

[Torna al sommario]

 

Cittadinanza & Costituzione: Partenza ... Mortara!

Vivendo la nostra città, ci scopriamo cittadini del mondo

La copertina del progettoAttraverso il Piano dell’Offerta Formativa, questo Circolo mira a perseguire non solo obiettivi relativi all’istruzione come acquisizione di conoscenze, ma anche alla formazione degli atteggiamenti e delle competenze che caratterizzano la persona umana, intesa come un “sistema integrato” di tutte le sue dimensioni costitutive.

L’eterogeneità dell’utenza è altresì dovuta alla massiccia presenza di famiglie straniere sul territorio, legata al forte flusso migratorio che interessa il nostro Paese; ciò ha, pertanto, conferito nuovo volto alle classi del Circolo, che accoglie più di duecento stranieri di varia provenienza linguistica e culturale. Il fenomeno, ormai diventato strutturale, richiede interventi mirati e continuativi, per favorire la socializzazione e l’integrazione, facilitare la comunicazione e l’apprendimento, compensare situazioni di svantaggio, prevenire il disadattamento e l’insuccesso scolastico.

L’osservazione dei contesti e degli atteggiamenti sociali, tuttavia, ha messo in evidenza come la Costituzione Italiana sia ancora oggi ampiamente misconosciuta e vissuta come un testo sganciato dalla pratica quotidiana. La nostra scuola, nell’impostazione della sua Offerta Formativa, ha fatto, perciò, del tema della legalità un elemento centrale delle sue linee guida, rispondendo alle specifiche richieste del territorio, inserite in un contesto non solo nazionale, ma anche europeo.

Gli alunni, inoltre, mostrano sempre più il desiderio di essere coinvolti in prima persona, con mezzi di comunicazione meno istituzionali e a loro più vicini, nel percorso di crescita e apprendimento verso una cittadinanza attiva, partecipativa, rappresentativa, consapevole e solidale.

Ricordando la metafora dell’alveare, in cui Virgilio, nel IV libro delle Georgiche, scrive: - ... l’ alveare è quella composizione di piccoli bruchi dentro ai quali si svolgono processi interdipendenti... -, ci prefissiamo, con questo progetto, di far nascere nei nostri bambini il bisogno di condividere ed espandere le conoscenze al di fuori del contesto scolastico, trasformando in pratica quotidiana ed atteggiamenti consapevoli il sapere appreso ''nell’alveare'', diventando, così, attivi cittadini del mondo.

Programmazione e attività

[Torna al sommario]

 

Attività per più classi: educare a riciclare (interdisciplinare)

L'unità didattica è visibile nella sezione Alunni, in cui sono descritte anche le modalità d'attuazione, cliccando qui.

Specifiche di riferimento
Titolo Educare a riciclare l'alluminio
Classe dalle prime alle quinte, con particolari approfondimenti nel secondo ciclo
Durata annuale
Obiettivi

attivare atteggiamenti di ascolto e di relazione positiva nei confronti degli altri;

comprendere l’importanza del necessario intervento dell’uomo sul proprio ambiente di vita;

conoscere le istituzioni pubbliche che si occupano dell’ambiente (CLIR);

usare in modo corretto le risorse evitando sprechi e forme ingiustificate di inquinamento;

praticare forme di riciclaggio dei materiali.

Attività

L’attività didattica svolta in classe coinvolge discipline come italiano, educazione ambientale, scienze e tecnologia e informatica e vede gli alunni impegnati a:

conoscere le principali tipologie dei materiali che compongono i rifiuti;

conoscere le tecnologie adottate in processi di riciclaggio, accompagnate dall’individuazione dei vantaggi e degli svantaggi che esse comportano;

conoscere la realtà locale: la fonderia Vedani. Progetto alluminio

I cassonetti posti nei cortili (destinati alla raccolta di carta e plastica) sono inoltre stati dipinti a tema dalle classi IIB e IVC. Le insegnanti coinvolte hanno considerato questa attività una vera e propria unità didattica. Hanno quindi intrapreso la via a loro usuale: progettazione, realizzazione, valutazione. L'intera unità didattica è visibile e scaricabile nella sezione Alunni.

Specifiche di riferimento
Titolo Dipingere un cassonetto
Classe IIB e IVC
Discipline Arte e immagine, italiano
Obiettivi di italiano

Produrre semplici testi narrativi (cl. II)

Produrre semplici testi regolativi (cl. IV)

Obiettivi di arte e immagine

Pensare cosa disegnare avendo cura di scegliere qualcosa di appropriato.

Saper rappresentare l’oggetto, mediante uno o più schizzi via via sviluppati e migliorati per determinare con precisione le dimensioni reali, le proporzioni delle singole parti, le caratteristiche funzionali e l’aspetto estetico.

Saper riprodurre (in misure reali o in scala d’ingrandimento) l’oggetto nel suo insieme e nei dettagli di decorazione.

Disegnare copiando un modello.

Saper realizzare disegni con diverse tecniche di coloritura. Usare stampi.

Tempi Aprile - maggio

[Torna al sommario]

 

Attività per più classi:Scuola & Ambiente - Giocando con i rifiuti

Il progetto Giocare con i rifiuti, proposto e finanziato dalla Regione Lombardia, è un’iniziativa che si inserisce bene nel progetto di educazione ambientale in corso nel nostro Circolo fin dal 2005. E' stato rivolto soprattutto agli alunni di classe quarta e quinta, ma alla portata di chiunque fosse stato interessato.

Per far conoscere ai bambini l’argomento è possibile visionare e commentare insieme a loro un DVD dalla durata di un’ora.

Il contenuto del DVD (oltre alle informazioni relative all’iniziativa in questione) si può trovare anche nel sito www.giocandoconirifiuti.it , precisamente alla pagina www.giocandoconirifiuti.it/pag_htm/documentazione.htm , dove si trova una presentazione in PowerPoint.

Lo scopo di tale iniziativa è stato quello di sensibilizzare gli alunni e le loro famiglie alla corretta differenziazione e separazione dei rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche, portandoli quindi nella piazzola ecologica di Mortara.

Si tratta dei rifiuti appartenenti alle seguenti categorie:

riciclo del ferro da stiro

Piccoli elettrodomestici

(aspirapolvere, ferri da stiro, tostapane, coltelli elettrici, macchine per cucire, bilance, sveglie, asciugacapelli, rasoi e spazzolini elettrici …) 

riciclo del computer

Apparecchiature informatiche e per telefonia

(computer compresi schermo, mouse e tastiera, stampanti, modem, fax, agende elettroniche, telefoni fissi e mobili, calcolatrici) 

riciclo della tv

Elettronica di consumo
(radio, televisori, videoregistratori, impianti hi-fi, fotocamere, lettori CD, DVD e MP3, amplificatori audio, strumenti musicali)

riciclo della lampadina

Apparecchiature di illuminazione

(luci al neon, lampade a scarica) 

riciclo dei mezzi di locomozione

Giocattoli

(treni elettrici, automobiline da corsa, console per videogiochi, videogiochi …)

… e in generale tutto ciò che è alimentato elettricamente, pur non compreso nelle categorie precedenti (per esempio trapani e avvitatori elettrici, strumenti di controllo, misura, regolazione, apparecchiature sportive con componenti elettroniche, attrezzature per il giardinaggio).

All'interno di ciascuna scuola della Provincia è stata stilata una classifica, confluita poi in quella generale provinciale. Una cerimonia conclusiva ha infine premiato i tre alunni del nostro Circolo che più si sono adoperati nella raccolta.

[Torna al sommario]

 

Integrazione degli alunni stranieri: robotica educativa (interdisciplinare)

Le attività svolte nei laboratori (spazi appositamente attrezzati, in cui gli alunni stranieri con particolari difficoltà linguistiche e di integrazione trascorrono alcune ore la settimana, in presenza di insegnanti specilisti) aiutano a:

La presenza sempre più diffusa di robot nella nostra vita quotidiana, la motivazione a costruire una macchina intelligente e a farla funzionare, fano del progetto Amico Robot una strategia efficace per riassorbire il divario linguistico e per favorire la relazionalità. Programmazione

Per maggiori approfondimenti: www.scuoladirobotica.it

[Torna al sommario]

Siti istituzionali ed enti:

Indirizzo web: Descrizione del sito
www.pubblica.istruzione.it Ministero della Pubblica Istruzione, dell'Università e della Ricerca
www.istruzione.lombardia.it Ufficio Scolastico per la Lombardia
www.paviascuola.it Ufficio scolastico provinciale di Pavia; con link e recapiti scuole
wiki.osservatoriotecnologico.it/joomla15 Tutto il mondo dell'informatica nella scuola
stipendipa.tesoro.it Pubblicazione stipendi delle Pubbliche Amministrazioni
www.cnipa.gov.it/site/it-IT Centro nazionale per l'informatica nella Pubblica Amministrazione
www.oppi.mi.it Organizzazione per la preparazione Professionale Insegnanti
www.invalsi.it Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema educativo di Istruzione e di Formazione
www.irrelombardia.it Agenzia Nazionale per lo Sviluppo dell'Autonomia scolastica
www.milano.istruzione.lombardia.it Ufficio Scolastico provinciale di Milano
www.crimortara.com Sito della Croce Rossa Mortara

[Torna al sommario]

 

Siti interessanti:

Indirizzo web Descrizione del sito
siti a tema ambientale ecopagine
www.sapere.it/tca/MainApp Enciclopedia online della DeAgostini
www.mosaico.rai.it Mediateca Digitale Italiana, a cura della Rai e del Ministero dell'Istruzione
www.lagendadellemamme.it Sito creato da mamme di Pavia e provincia
old.irrelombardia.it/matematica/index.htm Tecnologie didattiche per la matematica, a cura dell'ex-IRRE
old.irrelombardia.it/classicionline Tecnologie didattiche per la lingua italiana, a cura dell'ex-IRRE
www.irrelombardia.it/Progetti/siti-tematici/LIM-homepage Piano di formazione nazionale Lavagne Interattive Multimediali: progetto e risorse
www.irrelombardia.it/siti-tematici/progetto-Lapsus Progetto Lapsus (LAboratorio per la Promozione nelle Scuole di un Uso consapevole del Software) dell'ex-IRRE: informazioni e guide su risorse freeeware, shareware e opensource
pozzar.interfree.it/index.html Sito personale di un'insegnante, con esperienze didattiche e software gratuito
pozzar.interfree.it/sdf_tolmezzo.html Software free per la scuola
www.comefarea.it Sito aggiornato e molto chiaro di manualistica per Windows, Apple e Linux
www.educational.rai.it/corsiformazione/multimediascuola MultimediaScuola, corsi di formazione di RaiEducational e del Ministero sull'uso delle tecnologie didattiche
www.comeweb.it Docenti in autoformazione che hanno prodotto diverso materiale sull'insegnamento con le nuove tecnologie

[Torna al sommario]