Direzione Didattica Mortara , navigazione veloce.
menu principali | contenuto principale | menu secondario | piè di pagina

Una scuola che chiama per nome

Stemma Città di Mortara

Logo Direzione Didattica di Mortara

Direzione Didattica Mortara

piazza Italia, 16 - Mortara (PV)

pvee022004@istruzione.it

Chi siamo | Dove trovarci | Mappa del sito | Glossario | Contatti

Sei in Home - Documenti - Regolamenti

Regolamenti scolastici

Codice di comportamento dei dipendenti della Pubblica Amministrazione

Il codice di comportamento, edito con Decreto ministeriale 28 novembre 2000 e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.84 del 10 aprile 2001.

Pubblicato su www.istruzione.lombardia.it/albo-pretorio/codice-comportamentale.

Regolamenti interni

Visite guidate e viaggi di istruzione

tempioLa scuola considera le visite guidate e i viaggi d’istruzione parte integrante e qualificante dell’offerta formativa e momento privilegiato di conoscenza, comunicazione e socializzazione. Le visite guidate e i viaggi d’istruzione collegano l’esperienza scolastica all’ambiente esterno nei suoi aspetti fisici, paesaggistici, umani, culturali e produttivi.

 

 

Le procedure organizzative sono pubblicate nell'Area riservata ai docenti.

[Torna al menù]

 

Regolamento di Circolo

Adozione del Consiglio di Circolo seduta del 13/06/2008

Il regolamento di Circolo traccia le coordinate generali della vita della scuola nei suoi aspetti ricorrenti: l’utilizzo degli edifici, la vigilanza sugli alunni, l’accesso agli edifici, l’uso dei locali, delle attrezzature e del materiale didattico, i criteri per la formazione delle classi, gli orari scolastici, le uscite didattiche, il funzionamento degli Organi Collegiali.

Le delibere degli Organi Collegiali aventi carattere permanente, le regole o le procedure non comprese nella Carta sono contenute nel Regolamento.

Il Regolamento è un documento pubblico, ha carattere permanente e può essere modificato solo con delibera del Consiglio di Circolo.

 

Organizzazione

  • Iscrizioni

Al momento delle iscrizioni alla classe prima e alla Scuola dell’Infanzia è previsto un incontro ufficiale comunicato alle famiglie attraverso il servizio postale, i manifesti, la stampa, tenuto dalla Dirigente Scolastica, che presental’organizzazione scolastica e fornisce tutte le informazioni richieste.

Ci sarà poi un secondo incontro a fine giugno o ai primi giorni di settembre per l’assegnazione dei docenti alle classi.

Alla Scuola dell’Infanzia l’iscrizione si intende confermata previo versamento di una modica tassa una tantum.

Questi fondi saranno utilizzati per l’acquisto di materiale didattico in detta scuola.

E’ previsto, subito dopo aver reso pubblico l’elenco dei bambini ammessi, un calendario di colloqui per concordare con le insegnanti le modalità di un inserimento graduale.

  • Criteri per la formazione delle classi e delle sezioni - Trasferimenti

Il nostro Circolo promuove incontri di continuità tra le Scuole dell’Infanzia e la Scuola Secondaria di primo grado, al fine di avere tutti gli elementi utili che possano favorire l’inserimento di ogni bambino. Il Consiglio di Circolo darà indicazioni sui criteri per la formazione delle classi. Una commissione nominata dal Collegio Docenti provvede alla formazione delle classi per la Scuola Primaria e delle sezioni per la Scuola dell’Infanzia, per renderle eterogenee al loro interno ed omogenee tra loro, preferibilmente entro la fine di giugno. Di norma il passaggio da una classe ad un’altra, della stessa tipologia (da tempo pieno a tempo pieno), non è consentito. La formazione delle classi è competenza della Dirigente Scolastica, la quale vi provvede sulla base dei criteri generali stabiliti dal Consiglio di Circolo e dalle proposte di natura didattica formulate dal Collegio Docenti. Il Consiglio di Circolo, in adempimento a tale incombenza, stabilisce i seguenti criteri generali:

  • il numero degli alunni va distribuito equamente tra le classi / sezioni
  • le classi / sezioni in cui è inserito l’alunno diversamente abile saranno meno numerose in relazione alla gravità del caso
  • l’assegnazione degli insegnanti alle classi sarà disposta dalla Dirigente Scolastica nei primissimi giorni di settembre
  • per l’inserimento di nuovi alunni nelle classi già formate si stabilisce che di norma vadano inseriti nella classe con numero minore di alunni, salvo presenza di alunno in situazione di handicap o che il Consiglio di Interclasse Tecnico indichi alla Dirigente l’opportunità di agire diversamente.

[Torna al menù del Regolamento ]

 

Scuola dell'Infanzia

Le iscrizioni hanno luogo negli stessi tempi indicati dalla circolare ministeriale. All’atto dell’iscrizione vengono predisposte tre graduatorie distinte per età. La contemporanea iscrizione ad altre Scuole dell’Infanzia comporta la decadenza nella nostra lista d’attesa.

  • Criteri e punteggi per la formulazione della graduatoria per l'accesso alla Scuola dell'Infanzia Statale

All’atto dell’iscrizione vengono predisposte tre graduatorie distinte per età: cinque anni, quattro anni, tre anni, ponendo come requisito essenziale la residenza nei comuni di Mortara, Olevano, Nicorvo, San Giorgio. All’interno di ogni graduatoria vengono stabiliti i seguenti criteri con i relativi punteggi:

  • alunni diversamente abili: 10 punti
  • alunni già in graduatoria non rinunciatari e non assorbiti: 8 punti
  • provenienza da Asilo Nido Comunale: 7 punti
  • fratelli o sorelle frequentanti la Scuola dell’Infanzia Statale di Mortara e San Giorgio (per l’anno scolastico a cui si riferiscono le iscrizioni): 3 punti
  • solo frequenza antimeridiana (opportunamente documentata): 2 punti

Si stabilisce inoltre che:

  • l’iscrizione si intende confermata con il pagamento, una tantum, di un contributo di 10 euro, sia per Mortara che per San Giorgio
  • i trasferimenti da altre Scuole dell’Infanzia Statale, verranno inseriti nella graduatoria di Circolo in relazione alle diverse fasce di età: 5 anni, 4 anni, 3 anni
  • dopo 15 giorni di assenza non giustificata l’alunno/a verràdepennato/a dagli elenchi
  • l’iscrizione decade per far posto ad altro alunno/a qualora la frequenza del bambino/a sia saltuaria e non raggiunga i 30 giorni di frequenza nel periodo compreso da settembre al 31 gennaio

La frequenza è da considerarsi per l’intera giornata, eventuali necessità vanno documentate con certificazione medica.

[Torna al menù del Regolamento]

 

Vigilanza sull'incolumità degli alunni

La vigilanza compete ai docenti in base agli obblighi di servizio e secondo il seguente criterio:

  • cinque minuti prima delle lezioni antimeridiane
  • durante lo svolgimento delle lezioni antimeridiane e pomeridiane
  • durante l’intervallo
  • durante la mensa e nelle attività intermensa
  • fino al momento dell’uscita dall’edificio scolastico

La vigilanza si attua anche negli spostamenti del gruppo classe all’interno dell’edificio scolastico ed in occasione di uscite didattiche e di viaggi di istruzione.

Le uscite didattiche possono prevedere la presenza di un collaboratore scolastico; in caso di handicap grave, la presenza dell’insegnante di sostegno o di un addetto all’assistenza.

I collaboratori scolastici sono tenuti a collaborare con i docenti vigilando nei corridoi, nel cortile, durante l’utilizzo dei servizi igienici, durante gli ingressi e le uscite e per ogni altra attività nella quale viene espressamente richiesta la loro presenza. Ad ogni collaboratore viene assegnato un piano con postazione nelle vicinanze dei servizi, con visualità di tutto il corridoio.

Durante l’intervallo e nella fascia mensa la vigilanza all’interno del bagno spetta ai collaboratori.

Per momentanee e brevi assenze del docente, la sorveglianza spetta ai collaboratori scolastici, come durante lo svolgimento delle lezioni spetta la sorveglianza su qualsiasi movimento degli alunni all’interno dell’edificio scolastico.

Durante le ore di lezione è vietato allontanare gli alunni dall’aula e accogliere i genitori o altre persone non autorizzate per i colloqui.

Gli alunni, in via generale, non possono essere incaricati di mansioni che comportino allontanamento dall’aula. Possono essere assegnati loro piccoli incarichi non a rischio, solo per motivi educativi e per tempi molto limitati con la vigilanza del collaboratore in servizio sul piano.

  • Ingresso degli alunni

All’apertura dei portoni e al suono della campana, gli alunni possono accedere ai locali scolastici. Il collaboratore scolastico di presidio al portone alle ore 8.40 chiuderà la porta di ingresso all’edificio. In caso di ritardo, il docente o il collaboratore informerà la dirigente, la quale chiamerà a colloquio la famiglia. I bambini della Scuola dell’Infanzia devono essere personalmente affidati all’insegnante di sezione o alla collaboratrice scolastica. Con l’inizio dell’attività didattica non è più possibile essere ammessi in sezione.

  • Uscita degli alunni

E’ raccomandata la massima puntualità sia per quanto riguarda l’orario d’ingresso che di uscita degli alunni. All’uscita dall’edificio scolastico la responsabilità degli alunni è dei genitori. I genitori, o chi ne abbia la patria potestà, sono tenuti ad informare la segreteria di eventuali e imprevisti ritardi che impediscano loro di essere presenti al momento dell’uscita degli alunni da scuola. Nel caso nessuno venga a prendere l’alunno, esso è ritenuto in stato di abbandono e verranno contattati gli Organi competenti.

  • Ritardi, uscite anticipate, giustificazioni

Assenze e ritardi vanno sempre giustificati per iscritto e devono essere giornalmente segnati sul registro di classe o di sezione. Le assenze per malattia o per motivi familiari devono sempre essere giustificate per iscritto sul diario o su carta semplice. In caso di assenza prolungata è consigliabile la collaborazione tra Scuola e Famiglia, concordando eventuali attività ed esercitazioni che potranno ricevere anche attraverso i compagni. I genitori possono comunque richiedere agli insegnanti i compiti o le attività con un preavviso. Qualora sia necessario posticipare l’entrata o anticipare l’uscita dall’edificio scolastico, le famiglie avviseranno per iscritto le insegnanti. In caso di assenze per malattia, affinché sia conservato il posto, si deve fare pervenire alla Scuola una dichiarazione del medico con la data presumibile dell’assenza.

  • Comportamento degli alunni

Il comportamento degli alunni deve essere improntato al massimo rispetto per le persone, per l’ambiente, per l’arredo, per il materiale scolastico e per le regole della vita della scuola. All’entrata e all’uscita dell’edificio scolastico, durante i cambi di attività e insegnamento, nei momenti di pausa, gli alunni devono mantenere un comportamento corretto e responsabile. L’utilizzo dei cellulari è vietato e la Scuola declina ogni responsabilità in caso di smarrimento o danneggiamento dello stesso e di altri oggetti di valore. La famiglia è responsabile dei danni arrecati alle attrezzature scolastiche ed è tenuta al rimborso o alla riparazione del danno. Ogni alunno si deve presentare alle lezioni fornito di tutto l’occorrente. In qualsiasi momento della vita scolastica gli alunni sono tenuti a mantenere un comportamento ed un linguaggio rispettoso, incluso un abbigliamento decoroso. Gli alunni devono raggiungere la palestra in ordine e in silenzio.

  • Intervallo

L’intervallo del mattino viene fissato dalle ore 10,20 alle ore 10,40. Nessun bambino può trovarsi solo nei corridoi o per le scale, né andare in segreteria se non vigilato da un collaboratore scolastico o comunque da un adulto. Ciò viene precisato per motivi di responsabilità civile. I collaboratori scolastici durante l’intervallo vigileranno, oltre al corridoio di competenza, anche i bagni. Un altro momento di ricreazione è previsto nel periodo mensa e dopo-mensa. La vigilanza degli alunni in tali periodi è affidata ai docenti, coadiuvati nell’assistenza necessaria dai collaboratori scolastici.

[Torna al menù del Regolamento]

 

Divisa

Il Circolo Didattico di Mortara ha in adozione una divisa. Per la Scuola Primaria essa consiste in un grembiulino bianco con fiocco blu per le bambine, blusetta azzurra con colletto bianco e cravattina gialla per i maschi. San Giorgio e Parona hanno in adozione grembiulino nero con colletto bianco per le bambine, blusetta con colletto bianco per i maschi. Non è richiesto il fiocco. Con l’avanzare della stagione calda si può ovviare all’uso della divisa indossando un abbigliamento consono all’ambiente. Scuola dell’Infanzia: è facoltativo l’uso del grembiulino. Tutto il corredo (tovagliolo, cuscino, lenzuolino ecc.) va contrassegnato con nome e cognome.

[Torna al menù del Regolamento]

 

Criteri per la formazione dell'orario scolastico

Al fine di rendere la giornata scolastica conforme ai ritmi di apprendimento degli alunni, l’orario scolastico comprenderà un’alternanza di attività formali e attività che danno spazio alla fantasia, al movimento e alla creatività. Nel formulare l’orario gli insegnanti seguiranno alcuni criteri:

  • alternanza equilibrata tra gli insegnanti fra mattino e pomeriggio
  • ogni insegnante assegnato al tempo pieno deve effettuare almeno due pomeriggi settimanali, inclusa la mensa
  • alla Scuola dell’Infanzia vengono fatti turni settimanali tra il mattino e pomeriggio
  • per un razionale utilizzo di palestre, laboratori ed altre strutture dei diversi plessi è stabilito all’inizio dell’anno scolastico un orario settimanale
  • gli insegnanti, sia di Scuola dell’Infanzia che di Scuola Primaria del plesso di Mortara, assumono servizio alle ore 8.25

Il criterio prioritario, comunque, sarà quello dell’ottimizzazione delle risorse umane, ricorrendo anche all’istituto della flessibilità.

[Torna al menù del Regolamento]

 

Autorizzazione all'uso dei locali per altre istituzioni e privati

Il dirigente scolastico, su parere favorevole del Consiglio di Circolo, concede l’uso di locali, attrezzature e laboratori, alle istituzioni e ai privati che abbiano inoltrato richiesta. Tale autorizzazione sarà concessa a condizione che i richiedenti assumano la responsabilità dei danni causati e garantiscano il rispetto e la manutenzione delle strutture utilizzate.

I richiedenti si devono inoltre assumere l’onere della pulizia dei locali, indicando il nominativo della persona che vi deve provvedere ed in quale orario.

Il parere positivo può essere revocato in qualsiasi momento nel caso che il concessionario non ottemperi agli obblighi sottoscritti ed in caso di negligenza nell’uso delle dotazioni; gli affidatari sono tenuti al rimborso delle spese sostenute per l’acquisto di nuovo materiale; vige il divieto di fumare.

La Scuola si impegna a concedere alle Amministrazioni comunali l’uso dei locali e della palestra, a condizione che tale concessione non sia di ostacolo all’attività didattica e che i locali siano restituiti puliti, ben tenuti e vengano rispettate le dotazioni (palestra annessa in orario extra-scolastico).

[Torna al menù del Regolamento]

 

Rapporti Scuola-Famiglia

Fermi restando i diritti-doveri dei rappresentanti dei genitori nei diversi Organi Collegiali, i genitori, singolarmente o in gruppo, hanno diritto ad essere sentiti e di sentire i docenti in ordine al profitto, all’andamento scolastico e al comportamento degli alunni a scuola. A tal fine, di norma, ogni due mesi sono previsti colloqui con i docenti. Il calendario è stabilito ad inizio d’anno e inserito nel P.O.F.

  • il calendario degli incontri viene comunicato a tutte le famiglie all’inizio dell’anno scolastico, per mezzo del Piano dell’Offerta Formativa
  • l’ordine del giorno delle singole riunioni viene inviato agli interessati almeno cinque giorni prima dell’incontro stesso
  • al momento delle iscrizioni alla classe Prima e per la formazione delle classi e delle sezioni di Scuola dell’Infanzia, è previsto di norma un incontro ufficiale, comunicato alle famiglie per mezzo del servizio postale, solitamente tenuto dal dirigente scolastico da un suo sostituto
  • gli incontri avvengono sempre in orario extra-scolastico, con la sola presenza dei genitori. (Gli insegnanti si impegnano a fissare orari scadenzati per evitare lunghe ed estenuanti attese. Non è consentito portare i bambini e lasciarli incustoditi per i corridoi)
  • in casi urgenti o per particolari situazioni, gli incontri potranno svolgersi anche in orario scolastico, previa autorizzazione del dirigente, che deve garantire la vigilanza degli alunni assegnati all’insegnante impegnata nel colloquio, che deve avvenire fuori dall’aula scolastica, non in presenza dialunni. Oltre ai giorni stabiliti per i colloqui, gli insegnanti mediante avviso scritto, possono (per casi urgenti o particolari situazioni, solo su autorizzazione del dirigente) convocare le famiglie

[Torna al menù del Regolamento]

 

Visite guidate e viaggi di istruzione

Le visite guidate si effettuano nell’arco di una sola giornata, all’interno dell’orario scolastico e necessitano dell’autorizzazione del dirigente scolastico; i viaggi d’istruzione si effettuano anche in un solo giorno ma comprendendo orario extra-scolastico e fino ad un massimo di tre giorni; vanno rimessi all’autonomia decisionale del Consiglio di Circolo, dopo aver acquisito il parere favorevole dei Consigli di Intersezione, di Interclasse e del Collegio dei Docenti.

Le procedure organizzative sono pubblicate nell'Area riservata ai docenti.

[Torna al menù]

 

Prevenzione e sicurezza

Alunni, personale docente e non, sono tenuti all’osservanza delle norme che presiedono alla salute, alla prevenzione e alla sicurezza. Il dirigente scolastico ed i responsabili designati promuovono le esercitazioni e le prove di evacuazione.

E’ assolutamente vietato fumare nei locali della scuola, ai trasgressori verrà applicata l’ammenda massima.

[Torna al menù del Regolamento]

 

Prevenzione e trattamento di pediculosi

Si richiama al D.G.R. 30 settembre 2004 della Regione Lombardia.

Si ritiene di non attivare più procedure automatiche di screening per la ricerca dei casi di infestazione o interventi diretti degli operatori dell’ASL, all’interno della comunità scolastica sulla base della sola richiesta del personale scolastico, ma di interessare la Scuola, per definire le modalità di intervento, solo quando sia intervenuta la notificadi pediculosi da parte del medico curante. Nel caso si verifichino, all’interno della classe o sezione, casi di pediculosi, verrà inviato a tutte le famiglie un volantino con le istruzioni per l’uso.

[Torna al menù del Regolamento]

 

Funzionamento degli Organi Collegiali

  • Assemblee di classe

I docenti della classe possono convocarle in uno dei giorni indicati in cui sia prevista la presenza del personale ausiliario per l’apertura e la chiusura e la vigilanza dell’edificio.

Possono essere richieste anche dai genitori, dai Consigli di Interclasse e di Sezione e dal Consiglio di Circolo quando si vuole promuovere una consultazione più generalizzata su argomenti riguardanti la classe o le classi.

In questo caso le assemblee vanno richieste per iscritto al dirigente, precisando l’ordine del giorno e il giorno della convocazione.

L’assemblea di classe avrà un presidente ed un segretario. In segreteriadovrà pervenire un verbale, contenente anche specificato il numero delle famiglie partecipanti ed il relativo nominativo.

  • Assemblee di plesso

Le assemblee di plesso devono essere richieste secondo le indicazioni dell’art.15 del D.L.vo 297/94.

Il presidente eletto può convocare l’assemblea ogni qualvolta lo richieda nel corso dell’anno scolastico.

Alle assemblee di classe e di plesso possono partecipare i genitori e i docenti di quella classe e di quel plesso e il dirigente scolastico.

  • Organi Collegiali

Le assemblee di plesso devono essere richieste secondo le indicazioni dell’art.15 del D.L.vo 297/94.

Il presidente eletto può convocare l’assemblea ogni qualvolta lo richieda nel corso dell’anno scolastico.

Alle assemblee di classe e di plesso possono partecipare i genitori e i docenti di quella classe e di quel plesso e il dirigente scolastico.

  • Consigli di Interclasse ed Intersezione

Nella Scuola dell’Infanzia di Mortara e nella scuola Primaria di San Giorgio e di Parona avvengono per Plesso, mentre per la scuola Primaria di Mortara per classi parallele.

La convocazione deve essere comunicata agli interessati almeno 5 giorni feriali prima e deve contenere l’ordine del giorno. E’ opportuno allegare progetti,proposte e materiale preparatorio.

Sono presieduti dal dirigente scolastico o da un suo delegato. Le funzioni di segretario vengono espletate da un insegnante.

Un terzo dei componenti può chiedere l’inserimento di particolari argomenti per l’ordine del giorno del Consiglio successivo. Un terzo dei componenti può anche richiedere per iscritto la convocazione del Consiglio.

[Torna al menù del Regolamento]

 

Componenti scolastiche

  • Collegio Docenti

Il Collegio dei Docenti ha competenza esclusiva in materia didattica, che esercita sia in forma collegiale che individuale, nel rispetto di una corretta libertà di insegnamento. Sulla base dell’atto di indirizzo del Consiglio di Circolo, tenuto conto anche delle proposte e dei pareri formulati dagli altri Organi Collegiali, dalle eventuali Associazioni dei genitori e dalle Amministrazioni locali, elabora il Piano dell’Offerta Formativa. Si riunisce normalmente secondo il calendario fissato all’inizio dell’anno scolastico. Può essere convocato in seduta straordinaria tutte le volte che il dirigente lo ritiene necessario. La partecipazione al Collegio Docenti è obbligatoria e rientra nell’orario di servizio. All’inizio dell’anno scolastico viene designato il segretario all’interno dello staff di dirigenza.

  • Consiglio di Circolo

Il Consiglio di Circolo indica gli indirizzi generali per le attività della Scuola e le scelte di gestione e di amministrazione; tale attività è espressa dal Consiglio di Circolo attraverso l’Atto di Indirizzo, che va elaborato entro il mese di giugno di ogni anno, in modo da permettere ai docenti di stendere il Piano dell’Offerta Formativa. Nel caso il Consiglio non deliberi entro giugno, resta in vigore l’indirizzo precedente. Il Consiglio di Circolo è composto da 8 genitori, da 8 insegnanti, da 2 tra il personale non docente (amministrativo e/o ausiliario) e dal dirigente scolastico. Il presidente è eletto tra i genitori. Si rimanda all’apposito regolamento del Consiglio di Circolo.

  • Dirigente scolastico

Il dirigente scolastico crea sinergia e coordina le attività degli Organi Collegiali, che esercitano competenze parallele, ma con rilevanza diversa in particolare quando il loro esercizio costituisca presupposto necessario ed opportuno per l’esercizio delle competenze di altro Organo Collegiale. Il dirigente verifica la coerenza tra gli indirizzi impartiti e i contenuti del POF stesso.

[Torna al menù]

 

Vigilanza alunni

Responsabilità dei docenti e dei collaboratori scolastici.

Adempimenti in caso di infortunio degli alunni.

Cosa fare in caso di malore.

Download

[Torna al menù]

 

Tempo parziale e svolgimento di altre attività lavorative

La legge 23.12.1996 n.° 662 emana le disposizioni in materia di tempo parziale e di svolgimento di altre attività lavorative, aggiuntive a quelle istituzionali. Download

[Torna al menù]

Richiesta pass per esperti esterni e genitori

Le procedure da seguire per la richiesta di accesso, per tutti i plessi del Circolo. Download

[Torna al menù]

Vademecum per la strumentazione informatica

Premesso che la strumentazione informatica è un patrimonio della scuola a disposizione di tutto il personale docente del plesso, si illustrano qui di seguito le regole per un corretto e responsabile utilizzo. Nel caso di individuazione di guasti o anomalie nella strumentazione utilizzata, segnalare tempestivamente alla FS.

VIDEOPROIETTORE 3M SU CARRELLO: è riservato all’utilizzo in aula magna o comunque per convegni, corsi etc. Una settimana prima dell’utilizzo, vanno richiesti l’utilizzo del locale e della strumentazione (su modulo disponibile sul sito o in segreteria) alla Dirigente e contemporaneamente l’utilizzo del videoproiettore e/o del microfono alla FS, la quale autorizzerà su apposito modulo, indicando il collaboratore scolastico a cui rivolgersi.

Un apposito incontro (uno solo) viene tenuto per preparare tutti coloro che prevedono di utilizzare il videoproiettore durante l’anno: un registro conterrà i nomi degli “abilitati”.

VIDEOPROIETTORE SHARP e PC PORTATILE PACKERBELL: sono riservati all’utilizzo in classe con gli alunni. Vanno richiesti alla FS una settimana prima dell’utilizzo. La FS autorizzerà su apposito modulo indicando il collaboratore scolastico a cui rivolgersi.

Un apposito incontro (uno solo) viene tenuto per preparare tutti coloro che prevedono di utilizzare il videoproiettore durante l’anno: un registro conterrà i nomi degli “abilitati”.

FOTOCAMERA DIGITALE, VIDEOCAMERA e periferiche in genere: vanno richieste alla FS o ai componenti della Commissione ICT una settimana prima dell’utilizzo. La FS autorizzerà su apposito modulo.

Un apposito incontro (uno solo) viene tenuto per preparare tutti coloro che prevedono di utilizzare la strumentazione durante l’anno: un registro conterrà i nomi degli “abilitati”.

I destinatari del corso di preparazione vengono preparati sia all’acquisizione di filmati e immagini, sia al loro riversamento su cd.

UTILIZZO MEMORIE USB: per motivi di protezione possono essere utilizzate solo se controllate preventivamente da un apposito programma predisposto su un pc in laboratorio; a tutti viene indicata la semplice procedura da eseguire per un conseguente sicuro utilizzo.

CARTELLA MODELLI (Disco_Informatica_#6): è conservata nei Documenti di ciascun pc e contiene modelli utili alla funzione docente (orari, lettere, richieste, tabelle, programmazioni, loghi della scuola etc.).

CARTELLA ARCHIVI (Disco_Informatica_#6): è conservata nei Documenti di ciascun pc e contiene l’elenco di tutti i software didattici con una breve spiegazione delle loro specifiche. Contiene altresì l’elenco di tutte le unità didattiche prodotte dalla scuola con l’utilizzo dell’informatica.

[Torna al menù]

Regolamento del Laboratorio informatico [Lab. 1]

E’ affisso alla bacheca del laboratorio informatico.

Ogni utente è tenuto a rispettare le regole descritte per garantirne al meglio il funzionamento e l’efficienza.

Sarà inoltre cura di ogni utente segnalare questo regolamento ad ogni nuovo docente o supplente che arriverà in corso d’anno scolastico.

 

hardware

Il laboratorio è finalizzato a due principali attività: attività didattica con intere classi o gruppi di classi (prioritariamente); autoformazione individuale per i docenti.

accensione

Attivazione e disattivazione del laboratorio: esistono due interruttori generali che vanno attivati prima di accendere qualunque Pc (ore 8.30) e disattivati solo dopo lo spegnimento di tutti i Pc (ore 16.30). Le istruzioni sono affisse al muro, vicino al server.

server

Il server è necessario solo per attingervi dei file d’archivio in esso conservati, oppure per far passare un file da un computer all’altro. La navigazione in internet, la posta elettronica (Outlook Express) e la chat tramite il programma NetOp sono possibili anche senza server.

Per accenderlo: pulsante rosso sul PC, dietro lo sportello + pulsante sul monitor.

Attendere la comparsa della finestra su sfondo azzurro che chiede di premere CTRL e ALT contemporaneamente + CANC.

Sulla finestra successiva, premere OK (non c’è password).

Per spegnerlo: Start – Chiudi sessione – Arresta il sistema – ok e non si preme alcun pulsante sul PC. Si spegne il pulsante sul monitor.

Solo a spegnimento avvenuto, spegnere i due interruttori generali, come da istruzioni affisse al muro in laboratorio.

accensione

Accensione dei Pc: tasto apposito su ogni Pc.

Accensione monitor, casse audio, stampanti: tasto apposito su ciascuna periferica.

Spegnimento pc: attenzione ad eventuali indicazioni particolari affisse ai pc.

divieto

Non è consentito agli alunni l’accesso al laboratorio senza la vigilanza dell’insegnante.

divieto

Non è consentito ad estranei l’utilizzo del laboratorio di informatica.

registro

Il laboratorio è dotato di un registro per la rilevazione presenze e stampe, che i docenti dovranno obbligatoriamente registrare, anche se non operano con gli alunni.

attenzione

Ogni inconveniente hardware o software, così come la mancanza di carta, inchiostro etc., deve essere tempestivamente segnalata al Responsabile di laboratorio.

annullare

Qualunque azione imprevista sul computer può essere annullata coi comandi Modifica, Annulla (se ci troviamo all’interno di un programma) oppure cliccando il pulsante Annulla che compare in qualsiasi finestra.

cartella

Ogni classe è tenuta a crearsi, all’interno della cartella Documenti, un’apposita cartella per la raccolta dei propri elaborati (secondo il modello Classe_1B, Classe_2C, Classe_3D etc.).

I files creati durante le attività devono essere memorizzati all’interno della cartella Documenti (e/o della cartella Documenti condivisi se si intende renderli disponibili in rete) ma solo nella propria sottocartella relativa alla propria classe.

Qualunque files memorizzato in Documenti, sul desktop o altrove verrà eliminato durante le periodiche pulizie e a fine anno.

Per salvare un file: File, Salva con nome.

Nello spazio Salva in: assicurarsi di mettere Nome della propria cartella. Nello spazio Nome file: assicurarsi di immettere un nome significativo.

cd-rom

Si accede ai programmi cliccando: Start, Programmi (oppure i collegamenti presenti sul desktop).

Si accedere ai cd-rom già installati cliccando: Start, Programmi, Didattica (nel caso si desideri consultare un cd-rom esposto nella vetrinetta ma non ancora installato, occorre concordare preventivamente con la responsabile di laboratorio).

fotocamera

Nell’armadio bianco sono esposti disponibili:

- tv + videoregistratore

- decoder già collegato per la ricezione di Rai Educational

- videocamere

- fotocamera digitale

divieto

L’utilizzo di Internet e dei servizi di Posta Elettronica deve essere guidato dall’insegnante e non deciso autonomamente dagli alunni, essendovi precise responsabilità della Scuola nei confronti dei minori per eventuali collegamenti a siti non rispondenti a finalità educative ed istituzionali.

explorer

I PC sono sempre collegati ad Internet, mediante collegamento Adsl. Per attivarlo è sufficiente cliccare l’apposita icona sul desktop, corrispondente al programma Internet Explorer. Per disattivarlo è sufficiente chiudere il programma con la solita X in alto a destra (non c’è nulla da disconnettere).

divieto

E’ permesso utilizzare solo software appartenente alla Scuola e munito di regolare licenza d’uso. Non è consentito installare alcun programma (nemmeno scaricandolo da Internet) ad uso personale.

attenzione

Non può essere inserito alcun cd-rom, floppy o file di provenienza esterna alla Scuola, se non dopo scansione antivirus (rivolgersi al Responsabile di laboratorio).

rete internet

Qualunque file viene scaricato da Internet o dalla Posta Elettronica solo dopo preventivo accordo con l’insegnante Responsabile del laboratorio.

divieto

Per nessun motivo vanno modificate le impostazioni dei computer (desktop, sfondi, risoluzioni, mouse, schede audio etc.). Se accade per errore avvisare tempestivamente il Responsabile di laboratorio.

posta elettronica

Posta elettronica: le classi utilizzano il programma Outlook Express, su cui possono anche ricevere posta; l’indirizzo è ddlabmortara@email.it

I docenti possono contattare il gruppo di lavoro Informatica scrivendo a ddlabmortara@virgilio.it

stampante

Per consentire una mirata gestione dei consumi, le stampe superiori ad un paio di pagine circa vanno preventivamente concordate con l’insegnante responsabile. Tutte le stampate vanno annotate sul registro delle firme. In laboratorio si stampano esclusivamente lavori eseguiti dagli alunni (documenti utili alla funzione docente si stampano in Aula-docenti).

cinepresa

L’utilizzo di webcam, fotocamera, videocamera, videoproiettore va richiesto al Responsabile di laboratorio una settimana prima, in modo da consentire l’eventuale caricamento pile o altre operazioni di manutenzione.

tavolo

I tavoli centrali sono a disposizione di alunni e docenti.

interruttore

E’ necessario rispettare le norme di sicurezza. Chi lascia l’aula alle 16.30, deve controllare che tutte le postazioni e tutte le periferiche (monitor, casse audio, stampanti) siano spente.

Spegnimento PC: Start, Chiudi sessione, Arresta il sistema, Ok. Non si preme alcun pulsante sul Pc.

Spegnimento monitor, casse audio, stampanti: apposito pulsante su ciascuna periferica.

utente pc

Al termine di ogni lezione il laboratorio va lasciato in ordine. E’ gradita la collaborazione nel coprire, alle 16.30, le tastiere e i Pc con le relative copertine. La fascia intermensa è a disposizione per il lavoro individuale dei docenti (si prega pertanto di rispettare il silenzio e l’ordine).

ergonomia

Educare gli alunni ad una corretta postura nell’utilizzo del mouse salvaguarda la loro salute ed evita di scivolare cliccando e far sparire barre, pulsanti ed icone (in tal caso avvisare tempestivamente il Responsabile di laboratorio). Il sedile della sedia deve essere abbastanza alto da consentire di guardare il monitor dall’alto verso il basso, e non viceversa.

 

cautionSTAMPANTI - Regole da seguire scrupolosamente:

Assicurarsi che ci sia la carta (avvisare la responsabile qualora si lasci la stampante sguarnita).

Il comando di stampa va dato una sola volta, poi attendere (almeno 30 sec.).

stampanteAvvisare tempestivamente la responsabile qualora si siano comunque verificati imprevisti.

Annotare tassativamente sul registro il numero di stampe eseguite, al fine di consentire una corretta gestione degli acquisti.

 

VADEMECUM PER L'UTILIZZO DELLA STRUMENTAZIONE

Premesso che la strumentazione informatica è un patrimonio della scuola a disposizione di tutto il personale docente del plesso, si illustrano qui di seguito le regole per un corretto e responsabile utilizzo. Nel caso di individuazione di guasti o anomalie nella strumentazione utilizzata, segnalare tempestivamente alla FS.

 

COMPUTER MAC E COMPUTER PORTATILI WINDOWS:

Per i MACbook portatili della scuola, come per i portatili Windows, valgono le stesse regole dei PC fissi posti nei laboratori, quindi:

  • non caricare files o software personali
  • se fosse necessaria l'installazione di software, rivolgersi all'ins. F.S.
  • non modificare le impostazioni (password, nomecomputer, menù, etc.)
  • mantenere l'ordine, quindi salvare sempre i files all'interno della cartella Documenti, creando opportune sottocartelle per argomento

Ricordiamo che i computer potranno essere utilizzati anche da altre classi, quindi è importante mantenerli in ordine ed efficienza, così come ciascuno vorrebbe trovarli.

ATTENZIONE: anche se conosciamo le procedure di installazione per i MAC, non installiare personalmente software sui MAC della scuola, in quanto per essi sono state adottate procedure particolari.

 

VIDEOPROIETTORE 3M SU CARRELLO: è riservato all’utilizzo in aula magna o comunque per convegni, corsi etc. Una settimana prima dell’utilizzo, vanno richiesti:

L’utilizzo del locale e della strumentazione (su modulo disponibile sul sito, accedendo alla modulistica dell'area riservata, o in segreteria) alla Dirigente e contemporaneamente l’utilizzo del videoproiettore e/o del microfono alla FS, la quale autorizzerà su apposito modulo, indicando il collaboratore scolastico a cui rivolgersi.

Un apposito incontro (uno solo) viene tenuto per preparare tutti coloro che prevedono di utilizzare il videoproiettore durante l’anno: un registro conterrà i nomi degli “abilitati”.

 

VIDEOPROIETTORE SHARP e PC PORTATILE PACKERBELL: sono riservati all’utilizzo in classe con gli alunni. Vanno richiesti alla FS una settimana prima dell’utilizzo. La FS autorizzerà su apposito modulo, indicando il collaboratore scolastico a cui rivolgersi.

Un apposito incontro (uno solo) viene tenuto per preparare tutti coloro che prevedono di utilizzare il videoproiettore durante l’anno: un registro conterrà i nomi degli “abilitati”.

 

FOTOCAMERA DIGITALE, VIDEOCAMERA e periferiche in genere: vanno richieste alla FS o ai componenti della Commissione ICT una settimana prima dell’utilizzo. La FS autorizzerà su apposito modulo.

Un apposito incontro (uno solo) viene tenuto per preparare tutti coloro che prevedono di utilizzare la strumentazione durante l’anno: un registro conterrà i nomi degli “abilitati”.

 

[Torna al menù]

Regolamento del Laboratorio scientifico [Lab. 2]

Il laboratorio si propone l’obiettivo della promozione e della diffusione della pratica scientifica nella scuola ed è uno strumento di formazione a disposizione di tutti i docenti e gli alunni della scuola.

Per garantirne al meglio il funzionamento e l’efficienza, ogni utente è tenuto ad un corretto e responsabile utilizzo del laboratorio, perciò a rispettare le regole qui di seguito illustrate. Sarà inoltre cura di ogni utente segnalare questo regolamento ad ogni nuovo docente o supplente che arriverà in corso d’anno scolastico.

 

Responsabile di gestione

I compiti del responsabile di laboratorio sono:

  • conservazione delle attrezzature presenti nel laboratorio
  • programmazione e gestione delle attività del laboratorio, mediante la predisposizione diun quadro di utilizzo del laboratorio
  • controllo periodico delle attrezzature
  • approvvigionamento periodico del materiale di facile consumoutile alle esercitazioni didattiche
  • aggiornamento dell’elenco delle attrezzature e del materiale di facile consumo
  • verifica della corretta applicazione di quanto indicato nel presente regolamento, riferendo le eventuali anomalie riscontrate al Dirigente scolastico

La responsabilità sulla custodia ed il corretto uso delle attrezzature viene trasferito automaticamente dal responsabile di laboratorio all’insegnante momentaneamente presente nel laboratorio, con o senza la propria classe o gruppo di alunni.

 

Modalità di accesso

I docenti utilizzano il laboratorio con le classi o gruppi di classi, secondo i giorni e gli orari annuali stabiliti nell’ambito di progetti curricolari. Per utilizzi occasionali occorre prenotare il laboratorio, inoltrando richiesta su apposito modulo al Dirigente scolastico una settimana prima dell’utilizzo dello spazio. Il Dirigente scolastico autorizzerà su apposito modulo. Nel caso di richiesta contestuale da parte di più docenti si concorderà una variazione dei tempi di utilizzo degli spazi.

I docenti utilizzano il laboratorio individualmente per autoformazione, quando lo spazio non è già occupato dagli alunni, preferibilmente durante la pausa mensa.

Gli alunni possono accedere al laboratorio solo se accompagnati da docenti. Gli accessi sono consentiti e controllati attraverso la compilazione di un registro. I docenti devono registrare la loro presenza anche se non operano con gli alunni. Per attività di formazione dei docenti il laboratorio verrà utilizzato in via prioritaria rispetto ad altre attività e secondo gli accordi stabiliti con il Dirigente scolastico e con il responsabile di laboratorio.

Il personale esterno può accedere al laboratorio preventivamente autorizzato dal Dirigente scolastico e sotto la sorveglianza di un insegnante o del responsabile di laboratorio.

 

Modalità di utilizzo

E’ preferibile usare le attrezzature in laboratorio. Si esclude di usare i microscopi e la vetreria all’esterno del laboratorio. I prestiti delle attrezzature sono consentiti e controllati attraverso richiesta su apposito modulo al Dirigente scolastico, che inoltrerà al responsabile del laboratorio per la consegna dei materiali. I materiali presi in prestito devono poi essere restituiti tempestivamente al responsabile del laboratorio.

I PC presenti nel laboratorio possono essere usati per le attività scientifiche. Le sedie per gli alunni vengono condivise tra le postazioni dei PC e i banchi per le attività scientifiche.

Per necessità diverse da quelle elencate deve essere contattato il responsabile di laboratorio.

 

Disposizioni per gli insegnanti

L’insegnante che sta utilizzando il laboratorio è responsabile in quel momento di quanto avviene e dei materiali presenti nel laboratorio.

Il docente, perciò, deve:

  • registrare l’accesso al laboratorio sull’apposito registro, indicando il giorno, l’orario, la classe o il gruppo-classe
  • segnalare sullo stesso registro l’attività svolta, in sintesi, ed eventuali mancanze di materiali, danni, problemi verificatisi nel corso della lezione, anomalie riscontrate sugli arredi e sugli strumenti
  • evitare di spostare le attrezzature dalla posizione originale; perciò tutti gli strumenti utilizzati per le attività devono, al termine della lezione, essere riposti negli armadi appositi, nel posto in cui sono stati prelevati
  • lavare ed asciugare i materiali usati per le sperimentazioni (provette, contenitori ecc.) dopo ogni utilizzo
  • pulire l’area di lavoro
  • accertarsi che l’aula sia lasciata in condizione adeguata per ricevere un’altra classe

Il regolamento è affisso alla porta interna del laboratorio scientifico.

[Torna al menù]

Motore di ricerca

 

La nostra scuola aderisce alla comunità di pratica
Porte Aperte sul Web

logo di Porte Aperte sul Web