Navigazione veloce

Ecopagine

     

    Clicca l’ECODIDATTICA per vedere le attività degli alunni. 

     

    Draghetto-pompiere

    UNA SCUOLA IMPEGNATA PER L’AMBIENTE

    :mrgreen:

    Smile-margherita

     

     

    Lupo Alberto work-in-progress

     

     

    Quando fai piani per un anno, semina grano.
    Se fai piani per un decennio, pianta alberi.
    Se fai piani per la vita, forma ed educa le persone.

    (Proverbio cinese)

     

     

    Il progetto ambientale Le buone abitudini si imparano da bambini … viene proposto dal 2008 ai nostri alunni della Scuola dell’Infanzia e della Scuola Primaria e dal 2012 anche ai ragazzini della Scuola Secondaria di I Grado, aggiungendo così alla sua denominazione … e si consolidano crescendo.

    Quando si parla di ambiente si ricorre ad un certo lessico:

    • ECOLOGIA: la scienza che studia i rapporti degli organismi viventi fra loro e con l’ambiente, che analizza i diversi livelli di organizzazione (popolazione, comunità, ecosistema) e i flussi di energia (catena alimentare)
    • ECOSISTEMA: l’insieme di tutti gli organismi di una comunità e dei fattori ambientali con i quali le varie specie interagiscono (per esempio lago, bosco, …)
    • HABITAT: insieme delle condizioni che favoriscono la vita di una specie
    • ECOLOGICO: ecologia significa studio dell’ambiente ed indica inoltre un atteggiamento rispettoso dei suoi protagonisti

    Tutte queste parole richiamano un’immagine: la casa.

    Habitat (abitazione), eco (oikos, casa nella lingua greca).

    IL MONDO E’ LA CASA DI TUTTI

    Ed è proprio da questa considerazione che prendono il via tutti i progetti di educazione ambientale che vengono programmati e realizzati nella nostra scuola.

    Non devono necessariamente fondarsi sui grandi problemi del degrado e delle catastrofi mondiali, ma rifarsi alla realtà vicina, che comprende sia il territorio (ambiente antropizzato) sia i relativi fenomeni personali e sociali (ambiente sociale), per evidenziarne il valore, favorendo così l’interpretazione del ruolo e delle responsabilità umane.

    Emerge con forza un’idea di Educazione Ambientale che si configura come uneducazione al futuro consapevole. Alla base sta l’idea che una società in evoluzione possa determinare la propria sopravvivenza solo attraverso una consapevolezza e una volontà forte di risoluzione dei problemi e delle emergenze ambientali. La concezione di educazione ambientale moderna è perciò andata trasformandosi divenendo

    Educazione allo Sviluppo Sostenibile.

    Il mondo della scuola è un terreno estremamente fertile nel quale coltivare i frutti di un futuro sostenibile che favorisca la creazione di una società più rispettosa dell’Ambiente.

    I nostri itinerari d’Educazione Ambientale vogliono rendere ogni ragazzo, ogni cittadino, protagonista nell’importante compito di promuovere le uniche strategie capaci di garantire un futuro al nostro pianeta; i nostri itinerari didattici, che trattano diverse tematiche ambientali,  insegnano a riflettere circa i  problemi dell’ambiente, lo sviluppo sostenibile e le nuove tecnologie e per farlo serve un insegnamento disciplinare non frammentato, capace di far cogliere le interconnessioni tra i diversi saperi, rispettando ovviamente gli specifici linguaggi,  e di avviare gli alunni ad una visione unitaria della conoscenza. Occorre quindi favorire l’interdisciplinarietà e il lavoro collegiale tra insegnanti di discipline diverse ed utilizzare l’educazione ambientale come risorsa per selezionare, in fase di programmazione, obiettivi formativi, concetti chiave, temi e  problemi.

    In pratica ciò che contraddistingue l’educazione ambientale dalla semplice informazione è la modalità con cui concetti, nozioni, elementi di valutazione pratica vengono trasmessi: sicuramente non soltanto attraverso un tradizionale approccio frontale, bensì tramite un sistema articolato di forme comunicative e espressive che prevedono il coinvolgimento, anche emotivo, degli alunni.

    E perseguendo l’obiettivo di promuovere atteggiamenti e  comportamenti responsabili, consapevoli e rispettosi dell’ambiente, mediante un’ educazione della coscienza, l’ambiente stesso diventa lo sfondo integratore delle attività didattiche.

    FINALITA’ GENERALI

    😆 educare sin dalla giovanissima età alla responsabilità ecologica

    :mrgreen: favorire un contributo reale sul piano dell’educazione ambientale intesa come azione continuativa e multidisciplinare

    🙂 coordinare ed armonizzare il lavoro nei diversi ordini di scuola

    😀 favorire la continuità dei metodi di lavoro, degli obiettivi e delle strategie tra le scuole (continuità verticale tra la Scuola dell’Infanzia, la Primaria e la Secondaria di I Grado)

    😉 valorizzare le risorse del territorio e degli enti che concorrono alla formazione educativa e culturale degli alunni (continuità orizzontale tra scuola ed enti territoriali).

    OBIETTIVI FORMATIVI

    😀 contribuire a educare a comportamenti consapevoli e rispettosi dell’ambiente

    😯 stimolare alunni (e conseguentemente le famiglie) alla riflessione sui temi ambientali

    😉 comprendere che l’ambiente naturale deve essere rispettato, conservato, difeso, migliorato

    :mrgreen: spingere l’alunno ad interrogarsi sulle proprie abitudini

    😛 trasmettere l’importanza del risparmio e della salvaguardia delle risorse naturali

    😆 creare nell’alunno la coscienza che il suo comportamento è importante nella risoluzione delle problematiche ambientali

    😎 far sentire l’alunno-consumatore come parte di una comunità che intraprende uno sforzo comune per la salvaguardia delle risorse naturali.

    Ricordiamoci:

    ABBIAMO LA TERRA IN EREDITA’ DAI GENITORI, MA LA DIAMO IN AFFITTO AI FIGLI!

     

    Legambiente Scuola & Formazione

    Ultimi 3 articoli dei mesi precedenti

    17 Nov 15 - Newsletter di Legambiente

    Iniziative a cui aderire e relativi concorsi

    28 Ott 15 - Newsletter di Legambiente

    IV congresso nazionale – Educare al futuro nell’era del cambiamento

    28 Mag 15 - Newsletter di Legambiente

    Iniziative, campi estivi e il tuo 5 per mille a Legambiente.